Collana Il Giullare

Il Giullare

Il Giullare
Il Giullare Collana dedicata a libri umoristici, dalla fine dell’ottocento ai nostri giorni.

Numero risultati per pagina
Ordina per
N. prodotto: 978-88-96052-60-0

Pagine:
166
Data di pubblicazione:
15 marzo 2012

Ma chi li ha iscritti all'Albo?

 

 

 

 

Prezzo 16,00 €
13,60 *
Sconto del 2,40 €

Disponibile

N. prodotto: 978-88-96052-31-0

 

 

Pagine:
176

Data di pubblicazione:
novembre 2010

La cultura ha un lato comico?

 

Prezzo 16,00 €
13,60 *
Sconto del 2,40 €

Disponibile

N. prodotto: 978-88-96052-02-0

 


Pagine:
482
Data di pubblicazione:
10 novembre 2008

Scheda prodotto:
Scarica PDF

Si può trovare un motivo per ridere in ogni giorno dell’anno?

 

 

Prezzo 24,00 €
20,40 *
Sconto del 3,60 €

Disponibile

N. prodotto: 978-88-99389-09-3

Pagine:
160

Data di pubblicazione:
marzo 2016

Prezzo 16,00 €
13,60 *
Sconto del 2,40 €

Disponibile

* Prezzi comprensivi di IVA ,  consegna gratuita in  Italia

Gianluigi Gasparri

Gianluigi Gasparri

è stato caporedattore del Resto del Carlino. Ha pubblicato numerosi libri tra i quali La piazza delle vanità (Ponte Nuovo 1983), L’harem delle brutte (Mondadori 1985) e L’uovo azzurro (Mondadori 1990).

Gaetano Parmeggiani

Gaetano Parmeggiani

di lui è dubbia perfino l'esistenza: un giovane di questo nome, alto e di singolare avvenenza, fu effettivamente visto attraversare, nell'ottobre del 1968, la centralissima via Pattari a Milano: subito circondato da poliziotti ed estimatrici, dichiarò freddamente di chiamarsi Max Rusca, scomparendo poi come un fulmine. 
Come fanno a scrivere in due? Semplice: il Rusca è mancino, così non si urtano con il gomito.
Gaetano Parmeggiani / Max Rusca

Gaetano Parmeggiani / Max Rusca

di lui è dubbia perfino l'esistenza: un giovane di questo nome, alto e di singolare avvenenza, fu effettivamente visto attraversare, nell'ottobre del 1968, la centralissima via Pattari a Milano: subito circondato da poliziotti ed estimatrici, dichiarò freddamente di chiamarsi Max Rusca, scomparendo poi come un fulmine. 
Come fanno a scrivere in due? Semplice: il Rusca è mancino, così non si urtano con il gomito.